CARLOS CHAMORRO

STAMPA

Sinfoniekonzert - Landestheater Eisenach , Landeskapelle Eisenach

non ancora disponibile

Jan Kreyßig / 16.03.12 / TLZ

Gottfried Meyer / 17.03.12 / TA

Concerto Sinfonico, Teatro Sociale di Como - Orchestra 1813 

Non ultimo talento, il direttore spagnolo Carlos Chamorro, che conoscevamo ("Lupus in fabula"), questa volta alle prese con un programma importante: la drammatica Ouverture "Coriolano" di Beethoven, il famoso Concerto di Schumann, per violoncello e orchestra, un brano di Sollima e la scintillante Sinfonia "Italiana" di Mendelssohn. Il suo gesto sempre chiaro, limpido come le sue intenzioni, è riuscito a coinvolgere con pungente freschezza e bella emotività l'ensemble 1813 che si è impegnato con grande disponibilità. Insomma un concerto dove è stata bandita la routine e i luoghi comuni, sostituiti da slancio e intelligente, profonda cultura musicale. Ottimo successo. Maria Terraneo Fonticoli 25 Gennaio 2011

La Boheme - Puccini, Festival Oper im Berg
Il direttore di questa sera è stato Carlos Chamorro, che ha mantenuto ben insieme i complessi aspetti dell'opera e ha condotto i cantanti in modo preciso e sensibile. Il pubblico l'ha ringraziato con lunghi e calorosi applausi per una serata affascinante ed emozionante.
Andreas Seiverth

L'Incoronazione di Poppea - Monteverdi, Universität Mozarteum
Fine cultura musicale d`immortale bellezza, due dozzine di musicisti formatisi nel Mozarteum suonano la musica in modo fluido e brioso […] che quanto più si ascolta tanto più sorprende. Carlos Chamorro dirige con tanto amore e dedizione, precisione e tranquillità, che colma di gioia.
Salzburger Nachrichten, 11 Gennaio 2011

Orfeo ed Euridice - Gluck, Universität Mozarteum.
Al leggio del direttore c'è sempre Carlos Chamorro, che dosa bene la sensibilità, rispetta la tradizione storica senza dimenticare la vivacità dell'espressione e respira con i cantanti. Inoltre è un'ulteriore dimostrazione di quanto l'Universitá Mozarteum in questo momento offra il più rinfrescante teatro musicale della città.
Drehpunktkultur, 28 Aprile 2009